studio x architettura

"Forse noi siamo qui per dire: casa, ponte, fontana, porta, brocca, albero da frutti, finestra, al più: colonna, torre...
Ma per dire, comprendilo bene oh, per dirle le cose così, che a quel modo, esse stesse, nell'intimo, mai intendevano d'essere."

Reiner Maria Rilke

Casa Paoli

Anno: 2013
Luogo: via Pennella, Pergine Valsugana, TN


01

Lavoriamo con spazio, luce e materia.
Volevamo portare dentro l’azzurro del cielo ed innervare in sezione l’intero edificio dalla strada fino al cielo. Un elemento captatore che cattura la luce e la distribuisce nei vari piani. Come un albero all’interno dell’ edificio dove al posto dei rami ci sono le rampe delle scale, che si avviluppano e si snodano sinuosamente in modo sempre diverso generando doppie altezze, inquadrature ed inaspettate vedute.
L’uso dei Diagrammi di luce in fase di progettazione ci ha permesso di capire e costruire spazi strutturanti come il vano centrale e spazi filtro con logge e balconi sul lato a monte necessari al nuovo uso abitativo.
Una ridistribuzione volumetrica sul lato posteriore permette di ricavare una serie di terrazze gradonate verso l’alto. Costruita con profili quadrati in ferro trattato, declina in modo contemporaneo la lezione dei tradizionali balconi del luogo con elementi verticali ed orizzontali.


02
03
04


00
prospetto
prospetto
sezione
spaccato assonometrico



Casa Paoli

Interno: vano scale
Fotografie: Raffaele Cetto


05
06
07
08
pianta
pianta
pianta


svasatura
svasatura
svasatura

Padiglione 'casa nella casa'

Anno: 2011
Luogo: Tenna, TN
Fotografie: Raffaele Cetto


In inverno, quando la vegetazione spoglia lascia vedere ciò che le foglie altrimenti nascondono, il colle di Tenna appare come un sistema di terrazzamenti che degradano verso il lago di Caldonazzo, costellato da alcuni manufatti utilizzati come ricovero per attrezzi agricoli. Tipologicamente queste piccole costruzioni erano accomunate da una basamento in pietra, mentre la copertura veniva spesso declinata in modo differente. Il progetto riguarda il recupero di uno di questi manufatti.
Quando ci fu dato l’incarico di recuperare il piccolo edificio, la struttura si trovava in pessime condizioni: la copertura stava crollando e con essa rischiavano di implodere anche le pareti perimetrali in pietra. Per intervenire si è optato per una metodologia di ristrutturazione compatibile con il linguaggio originario e con il paesaggio circostante. Evitando di stravolgere le murature perimetrali, è stato introdotto un dispositivo autonomo e distinto, che permette la lettura del vecchio manufatto. Tale dispositivo è costituito da due elementi: un corpo ligneo e un volume in ferro che funge da ingresso e cannocchiale paesaggistico. Entrambi i due corpi sono stati assemblati a secco e successivamente alla consolidazione dei muri perimetrali calati al loro interno.

01
02
03
04
05
07
06
08

Casa unifamiliare 'Dentro il paesaggio'

Anno: 2012
Luogo: Trentino Alto Adige
Fotografie: Raffaele Cetto


00
00b

In un ambiente montano come quello del Trentino-Alto Adige, i terrazzamenti rivestono un’importanza primaria in quanto rendono usufruibili versanti altrimenti troppo acclivi. Il progetto si poggia su tale tradizione: un muro in cemento armato nasce dal terreno generando un livello orizzontale e contemporaneamente diviene -assieme all’interrato del pre-esistente fabbricato- piano d’imposta della nuova abitazione.
Morfologicamente l’edificio è stato pensato come un unico volume inserito e trafitto dal paesaggio circostante: le due falde riprendono la tipologia delle costruzioni limitrofe, mentre il taglio praticato a valle permette allo sguardo di abbracciare l’intera catena delle Dolomiti di Brenta.
La distribuzione interna è divisa in due parti da un lungo corridoio: gli spazi servienti –bagni, ripostiglio, lavanderia, cucina- sono stati posti a monte mentre gli spazi serviti –camere,studio, soggiorno-occupano la zona a valle, permettendo di godere del paesaggio e contemporaneamente consentendo l’accesso diretto al terrazzo.
L’intero edificio, ad esclusione degli interrati che sono in cemento armato, è stato realizzato in legno strutturale xlam. Il rivestimento esterno è in intonaco mentre per le parti scavate è stato utilizzato legno di larice.


pianta
sezione trasversale


01
02
03
04
05

Elogio della leggerezza

Anno: 2013
Luogo: Piazza Municipio, Pergine Valsugana, TN
Committenti: PSA - Pergine Spettacolo Aperto


PSA1
PSA2

L’installazione inizia con un segno, un palloncino bianco, posto all’ingresso del ‘Vecchio Manicomio’. Oltre quest’ingresso vi è il luogo fisico di storie e memorie di dolori storici per la popolazione perginese e non solo.
In realtà, si scardina proprio il margine inteso come ‘contenitore protettivo’ dai tratti imbrattati spesso di rifiuto, riconducendo l’attenzione, attraverso un evidente collegamento visivo, dall’elemento rappresentato dall’unico palloncino posto proprio su quest’ingresso, al tetto di palloncini ricreato non a caso nella piazza del paese. Qui viene rappresentata la possibilità di costruirsi un ‘nuovo posto per abitare’, con confini diversi, più mobili e leggeri, luminosi e plastici.

www.perginefestival.it


Tavola Concorso

Vierdoch Val dei Mocheni

Anno: 2013 - in fase di realizzazione
Luogo: Sant'Orsola, Val dei Mocheni, TN
Committenti: Zucconi Franco

Scaviamo e sottraiamo volume per creare “fronti sud”, per portare dentro la casa, reinterpretando la lezione del passato, aria e luce.
Trattiamo il basamento in modo materico attraverso l’uso del cemento sabbiato per far sentire l’attacco della casa al suolo: elemento fondante del progetto. L’inserimento ambientale riguarda le piege e le sagome delle montagne che circondano il lotto: l’edificio, per la sua forma pare le accompagni e ne segua il profilo. Particolare attenzione è stata rivolta alla forometria ed alle nicchie che nella nuova parte lignea diventano dei veri e propri cannocchiali ottici sul paesaggio.




01

02



Concorso di idee per la riqualificazione di Malga Fosse

Anno: 2012
Luogo: passo Rolle, TN
Render: Mattia Giuliani


00

tavola 1

tavola 2


Il panorama deve entrare nell’edificio, non l’edificio nel paesaggio.
Questa forma riprende il cono della montagna a monte, armonizzandosi e ripristinando l’andamento naturale del terreno. Due curve a valle ne annunciano l’attacco, verso la strada si forma l’accesso al complesso; all’interno troviamo una corte curva che abbraccia il paesaggio.
La copertura inerbita è il tema fondante dell’edificio; copre i blocchi sottostanti, permette di avere un’ottimo inserimento nel paesaggio e rispettare l’antropizzazione del territorio. L’edificio diventa un organismo che cattura il sole, la pioggia, l’ambiente.

Contatti | Info

Studio x Architettura
Progettazione architettonica, arredo, grafica.


studio x architettura





Studio x Architettura

info@studioxarchitettura.it

via Albere' 8, 38050 Tenna, Trento, Italia
+39 0461 1865819

vimeo.com/studioxarchitettura


luca







Luca Valentini

lucavalentini@studioxarchitettura.it

Attratto dall'Anima delle Cose e dei Luoghi conduce un percorso che lo porta da esperienze materiche di carpenteria ed ebanesteria, fino alla Laurea in Architettura allo I.U.A.V. di Venezia con una tesi sviluppata nell'ambiente del prof. Purini attorno al tema della memoria della Grande Guerra progettando un Museo dell'Uomo.
Attraverso questi momenti, mosso da una fede verso l'Architettura e verso le prolifiche contaminazioni con il mondo dell'arte, frequenta a Berlino lo studio dell'arch. Zvi Hecker, e fonda il gruppo “Quota Zero” con M.Dall'Agnol (vincendo il 1° premio ad un Concorso), ed il gruppo “Onda Anomala”con l'artista Paolo Tait, con il quale avrà una prolifica collaborazione vincendo due primi premi ed allestendo sue mostre. Collabora con Studi di Architettura ed Ingegneria e con la didattica ad un Corso Universitario di Ingegneria.
Ha fondato un proprio Studio di Progettazione, Studio X, e conduce ricerca architettonica considerando l'architettura non come luogo dell'abitare, ma come luogo dell'Esistenza e della trascendenza.

Stà scrivendo un saggio “Architettura Atto d'Amore”.


raffaele







Raffaele Cetto

raffaele@studioxarchitettura.it

Architetto. Progettista.



mattia







Mattia Giuliani

mattia@studioxarchitettura.it

Visualizzatore a lancia libera (freelance). Ama preparare il the e fare pulizia nell'archivio digitale.
Diceva Niceta Stethatos: è secondo la disposizione interiore dell'anima che si apprezza la natura degli oggetti.
Diceva Sant'Efrem il Siro: un buon discorso è d'argento, ma il silenzio è d'oro puro.

Versioni precedenti | Ultimo aggiornamento: 03.02.2014 | Valentini Luca VLNLCU68S26L378R | p.iva.01726960220
Il materiale pubblicato nel sito è di proprietà di Valentini Luca. non sono consentiti copia e riproduzione; il collegamento è consentito solo se viene citata la fonte: studioxarchitettura.it